23 June 2017

From Supply Chain to Finance

CPO e CFO: pianificazione finanziaria strategica integrata. Come far dialogare due figure fondamentali in azienda

Si è svolto mercoledì 21 giugno, l'evento “From Supply Chain To Finance”, sponsorizzato da Ayming e organizzato da The Procurement presso l’IBM client center di Milano. 

Si è trattato di un incontro con carattere formativo dedicato principalmente a CPO, CFO e Supply chain Directors, ricco di contenuti e di spunti interessanti, dalla sempre più stretta relazione tra CPO e CFO, agli elementi che compongono l'ecosistema Supply Chain Finance, alle nuove e più ambite competenze del futuro.

L’incontro ha visto il coinvolgimento di banche, società di consulenza, esperti di auditing, accademici, fiscalisti, imprese logistiche e del mondo IT.

Ayming era presente come sponsor e con un intervento del Dott. Niccolò Mazzoni, Principal della Business Line Operations Performance, che ha parlato dell'evoluzione del procurement verso un ruolo sempre più strategico all'interno delle aziende.

Leggi di seguito l'abstract dell'intervento di Niccolò Mazzoni.

L’evoluzione del Procurement

Il mondo del procurement costituisce una grande opportunità per le aziende, storicamente poco sfruttata e vista un po’ come la Cenerentola aziendale.

Affinché il procurement possa affermarsi tra le altre aree aziendali e acquisire la strategicità di cui ha bisogno per crescere, è importante che sappia fare leva su 3 aspetti e tendenze fondamentali.

La prima è la relazione sempre più stretta con la parte finance, a cui spesso la direzione acquisti riporta direttamente e che diventa sempre più un partner di crescita.

Finance e procurement hanno infatti come comune denominatore l’obiettivo di tenere sotto controllo i costi. Non solo, entrambe le funzioni si trovano a dover gestire voci di spesa di cui non sono i diretti fruitori e questo comporta sapersi destreggiare nel risolvere le controversie e soddisfare le richieste non sempre semplici degli altri stakeholder.

La seconda leva è l’implementazione di strumenti e tecnologie abilitanti, che snelliscano i processi e consentano una profilazione più puntuale del panel fornitori.

Tanto si parla e si investe in strumenti a supporto delle funzioni marketing e vendite, tutto ciò apre parallelamente ampio spazio di innovazione e investimento in strumenti dedicati all’area acquisti, che permettano al procurement di sviluppare competenze sempre più sofisticate e svolgere il proprio lavoro in maniera più efficiente e più smart.

Proprio dall’area Sales & Marketing, il procurement dovrebbe imparare a gestire l’ultima leva su cui vogliamo mettere l’accento: i fornitori.

Infatti, come marketing e vendite mettono ormai da anni il cliente al centro della propria strategia, così il procurement deve imparare a instaurare rapporti di collaborazione e fiducia con i propri fornitori, mettendoli nella condizione di offrire il prodotto o servizio che meglio risponde ai nostri bisogni e con le migliori condizioni di acquisto.

In questo modo, il fornitore diventa davvero un asset fondamentale per la creazione di valore e per la crescita della funzione acquisti.