05 October 2017

B Corp e Società Benefit a confronto

Le aziende competano non solo per essere le migliori al mondo ma anche per essere le migliori per il mondo

Negli ultimi anni, forse complice anche la crisi economica che ha colpito il mondo occidentale e la sempre più crescente sensibilità dell’opinione pubblica alle tematiche ambientali, abbiamo assistito alla progressiva crisi del modello economico tradizionale che poneva come primario obiettivo dell’azienda la creazione di profitto senza porre attenzione all’impatto sull’ambiente e sulla società.

Stiamo assistendo alla nascita di un nuovo modo di fare business, dove le aziende non perseguono più solo il profitto, che resta comunque l’obiettivo principale, ma nell’esercizio della loro attività prestano maggiore attenzione al valore e all’impatto che il loro business ha sull’ambiente e sulla società.

Questo nuovo paradigma di fare business, che è stato definito “for benefit” e che si configura come una terza via diversa dallo schema profit/no profit a cui siamo sempre stati abituati, è nato nel 2007 negli Stati Uniti con la creazione di B Lab un ente no profit la cui ambizione è quella di vivere in una realtà in cui le aziende competano non solo per essere le migliori al mondo ma anche per essere le migliori per il mondo

B Lab nel perseguimento della sua mission è anche l’ente che si occupa di rilasciare la certificazione B Corp alle aziende che assumono spontaneamente l’obbligo di agire secondo i più alti standard di responsabilità e misurano in modo rigoroso e trasparente i loro impatti.

Le B Corp sono quindi società che volontariamente decidono di sottoporsi a un processo di analisi e valutazione, il B Impact Assessment, al fine di valutare la corporate social performance e la sostenibilità ambientale. E’ importante però sottolineare che la certificazione ha una durata fissa di due anni ed è rinnovabile.

Come conseguenza a questa certificazione sempre negli Stati Uniti nel 2010 è partito un iter legislativo per la definizione di una specifica forma giuridica che ha preso il nome di Benefit Corporation e si va ad affiancare a quella for profit e no profit precedentemente esistenti.

Anche l’Italia, prima in Europa e prima al mondo fuori dagli USA, ha introdotto attraverso la Legge di stabilità del 2016, la forma giuridica “for benefit” per identificare quelle aziende che perseguono volontariamente, nell’esercizio dell’attività d’impresa, oltre allo scopo di lucro, anche una o più finalità di beneficio comune. 

Le aziende che scelgono questa forma giuridica diventano quindi Società Benefit e possono finalmente bilanciare i propri obiettivi tra il perseguimento degli interessi della collettività e quelli dei soci.
Nonostante le B Corp e le Società Benefit abbiano come elemento comune la volontà di avere un impatto positivo sull’ambiente e sulla società in cui operano, bisogna fare attenzione e tenere distinte le due definizioni che rappresentano le due facce della stessa medaglia.

Qualsiasi società commerciale può conformarsi come Benefit Corporation (o Società Benefit come sono identificate dalla legge italiana) introducendo nella propria ragione sociale le parole “Società Benefit” o “SB”.

Inoltre queste aziende devono indicare nel loro statuto, aggiungendo accanto all’attività dell’impresa, anche le finalità di beneficio comune ovvero le attività che contribuiscono a generare effetti positivi o a ridurre quelli negativi nei confronti della società e/o dell’ambiente. 

Infine alle Società Benefit è richiesto di redigere una relazione annuale da allegare al bilancio di esercizio, contenente una descrizione delle azioni attuate per il raggiungimento del beneficio comune, la valutazione dell’impatto generato e gli obiettivi che intende perseguire per il futuro.

Le due entità B Corp e Società Benefit possono andare di pari passo poiché il progetto è lo stesso e le rispettive peculiarità sono, per molti versi, interdipendenti. Inoltre, nei Paesi ove esiste la legislazione che regola le Benefit Corporation, le B Corp certificate hanno il vincolo, per il mantenimento della certificazione, di convertirsi in Società Benefit nell’arco di 2/4 anni dalla data di emissione. 

“Le Benefit Corporation hanno un doppio scopo e avranno risultati economici migliori di tutte le altre aziende”

Robert Shiller – Premio Nobel per l’economia 2013.

 

Ti potrebbe interessare anche...

8 Vantaggi di essere B Corp