Scegli il sito del tuo paese
Chiudi

Parco Agrisolare

Chi siamo > Eventi e News > Podcast > Parco Agrisolare
Podcast
Settembre 15, 2022

Quest’oggi approfondiremo la misura “Parco Agrisolare”: incentivo dedicato alla transizione ecologica del settore agroalimentare.

Quest’oggi approfondiamo l’investimento “Parco Agrisolare” di 1,5 miliardi di euro provenienti dal PNRR.

La misura “Parco Agrisolare” – inserita all’interno del PNRR, missione 2 “Rivoluzione Verde e Transizione Ecologica” – incentiva la riduzione dei consumi energetici del settore agroalimentare mediante l’installazione di pannelli fotovoltaici sui tetti degli edifici strumentali.

Chi sono i soggetti destinatari dell’investimento?

Possono proporre domanda gli imprenditori agricoli professionali (IAP), i coltivatori diretti (CD) iscritti alla previdenza agricola e le imprese agroindustriali, in possesso di uno dei codici ATECO previsti dal Regolamento operativo.

Quali progetti sono agevolati?

Tutti i progetti devono prevedere obbligatoriamente l’acquisto e la posa in opera di pannelli fotovoltaici di potenza non inferiore a 6 kWp.

Insieme all’acquisto/posa di pannelli fotovoltaici le imprese possono eseguire uno o più interventi sussidiari a loro scelta.

È possibile effettuare interventi di rimozione e smaltimento dell’amianto dei tetti, realizzazione dell’isolamento termico e/o di un sistema di areazione connesso alla sostituzione del tetto.

Vi sono delle condizioni particolari per poter effettuare gli interventi come, ad esempio, oneri di documentali e/o di certificazione?

Gli interventi eseguiti sono ammessi a condizione di non comportare un peggioramento delle condizioni ambientali e a patto di essere conformi alle norme nazionali e UE in materia di tutela ambientale.

Tutte le autorizzazioni ex lege, eventualmente necessarie dovranno essere possedute e comprovate entro il termine di richiesta della prima erogazione finanziaria.

Esaminiamo ora la parte economica del bando: che agevolazioni offre?

Agli interventi realizzati viene riconosciuto un contributo in conto capitale fino al 40% della spesa massima. Il contributo è incrementato al 50% per i beneficiari aventi sede nelle Regioni del Mezzogiorno.

In ogni caso, vi sono i seguenti limiti e massimali:

  • spesa massima – 750.000 euro per singolo progetto e 1 milione di euro per singolo soggetto beneficiario;
  • spesa specifica massima ammissibile, riferita agli interventi riconosciuti – 1.500 kWp;
  • potenza di picco compresa tra 6 e 500 kWp.

Sono previste particolari forme di premialità o incentivi extra?

Le intensità di aiuto possono essere aumentate di 20 punti percentuali in caso di giovani agricoltori o agricoltori insediatisi nei 5 anni precedenti il bando, investimenti collettivi oppure realizzati in zone soggette a vincoli naturali.

Quali sono i costi agevolabili?

Sono coperti tutti i costi di installazione di moduli fotovoltaici, progettazione, asseverazione o legati alle spese professionali, le spese di rimozione e smaltimento dell’amianto, fornitura e messa in opera degli interventi, demolizione e ricostruzione delle coperture.

È possibile coprire anche le spese di direzione lavori ed i costi di connessione alla rete ed il costo di installazione di colonnine di ricarica elettrica.

Quali sono i termini le modalità di inoltro delle domande?

Le proposte devono essere trasmesse per via telematica mediante il portale dedicato istituito dal GSE tra il 27 settembre ed il 27 ottobre 2022. La procedura è a sportello e si chiude una volta esaurite le risorse finanziarie.

La pubblicazione di questo bando era stata ritardata a seguito della volontà del Governo italiano di ammettere a contributo anche gli impianti non in regime di autoconsumo presentati da imprese agricole e/o dedite alla trasformazione. Questo limite è stato mantenuto nella versione definitiva del Bando?

Il limite dell’autoconsumo è stato mantenuto per tutti soggetti beneficiari, fatta eccezione le imprese incluse nella Tabella 3A allegata al decreto e rubricata “Aiuti agli investimenti nel settore della trasformazione di prodotti agricoli in non agricoli, in esenzione ai sensi del regolamento (UE) n. 651/2014”.

Mostra commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.