Scegli il sito del tuo paese
Chiudi

Fatturazione elettronica ed Esterometro 2022: le novità dal 1° luglio

Chi siamo > Eventi e News > Le news di Ayming Institute > Fatturazione elettronica ed Esterometro 2022: le novità dal 1° luglio
Le news di Ayming Institute
Giugno 30, 2022

È ormai imminente l’entrata in vigore delle novità fiscali 2022 in materia di fatturazione elettronica ed Esterometro, prevista inizialmente per il 1° gennaio.

Approfondiamo insieme i tratti più significativi della nuova disciplina, in vigore dal 1° luglio 2022, dando uno sguardo alle premesse normative di respiro comunitario.

Premesse normative: l’obbligo di fatturazione elettronica come deroga alle norme UE

Ad oggi, i singoli ordinamenti nazionali non hanno libertà assoluta di introdurre l’obbligo di fatturazione elettronica, a causa di un paradosso di livello sovranazionale.

Se l’UE, infatti, preme per un’efficace adozione di sistemi di fatturazione elettronica, è proprio una fonte comunitaria a limitarne indirettamente l’applicazione. La Direttiva 112/2006 (la nota “Direttiva IVA”) sancisce infatti i princìpi di piena parità di trattamento tra fatture cartacee ed elettroniche (art. 218: “Gli Stati membri accettano come fattura ogni documento o messaggio cartaceo o elettronico”) e del necessario accordo del destinatario perché una fattura possa essergli trasmessa per via elettronica (art. 232: “Il ricorso ad una fattura elettronica è subordinato all’accordo del destinatario”).

Si comprende bene quindi l’impossibilità di obbligare un fornitore a emettere e-fattura se il suo cliente deve manifestare il suo consenso a riceverla in tale formato, peraltro essendogli riconosciuto pure il diritto di riceverla ordinariamente in formato cartaceo.

Per aggirare l’ostacolo è necessario poter disapplicare questi articoli: richiesta fatta dall’Italia con lettera protocollata dalla Commissione il 27 settembre 2017 e approvata con Decisione di esecuzione del Consiglio Europeo del 16 aprile 2018. Superando quindi l’empasse del paradosso, l’Italia, autorizzata a derogare agli articoli in questione per il periodo dal 1° luglio 2018 al 31 dicembre 2021, ha potuto introdurre un primo obbligo generalizzato di emettere fattura elettronica a partire dal 1° gennaio 2019 (per alcuni soggetti già sei mesi prima) – obbligo da cui erano esentate alcune categorie di soggetti, come per esempio i soggetti passivi che beneficiano della franchigia per le piccole imprese di cui all’articolo 282 della Direttiva.

E-invoicing: i nuovi soggetti obbligati alla fatturazione elettronica

Gli ottimi risultati conseguiti nell’ultimo triennio hanno facilitato l’ottenimento nel 2021 di un’ulteriore proroga.

La Decisione di esecuzione 2021/2251/UE, infatti, ha concesso all’Italia di continuare a emettere norme in deroga ai suddetti articoli fino al 31 dicembre 2024, al fine di estendere ulteriormente l’obbligo di fatturazione elettronica.

Con queste premesse, nell’ambito del decreto PNRR 2 è stato riformulato l’art. 1, comma 3, del D.Lgs. n. 127/2015, con la conseguente estensione dell’obbligo di fatturazione elettronica ad alcune categorie di soggetti precedentemente esclusi:

  • soggetti rientranti nel regime di vantaggio (art. 27, commi 1 e 2, D.L. n. 98/2011);
  • soggetti rientranti nel regime forfettario (art. 1, commi 54-89, L. n. 190/2014);
  • soggetti che hanno esercitato l’opzione di cui agli artt. 1 e 2 della L. n. 398/1991 e che, nel periodo d’imposta precedente, hanno conseguito nell’esercizio di attività commerciali proventi per un importo non superiore a 65.000 euro.

L’obbligatorietà per questi soggetti scatta comunque in due diversi momenti: dal 1° luglio 2022 (se i ricavi o compensi conseguiti nell’anno precedente sono superiori a 25.000 euro) o dal 1° gennaio 2024 (se inferiori ai 25.000 euro).

E-reporting: l’abolizione dell’esterometro

La seconda novità riguarda l’obbligo di trasmissione telematica (e-reporting) dei dati relativi alle cessioni di beni e alle prestazioni di servizi intercorse con soggetti non stabiliti nel territorio dello Stato.

Lo strumento sin qui adottato a tale scopo, il c.d. Esterometro, è ormai prossimo alla definitiva abolizione: l’ultimo Esterometro da presentare sarà quello relativo alle suddette operazioni che hanno avuto luogo nel secondo trimestre del 2022.

Va precisato che con l’accantonamento dell’Esterometro non viene meno il relativo obbligo di trasmissione telematica. I dati delle operazioni in esame dovranno comunque essere trasmessi telematicamente all’Agenzia delle Entrate e il canale di trasmissione di questi dati è il medesimo con cui si inviano le fatture elettroniche: questo dispone l’art. 1 co. 1103 della L. 178/2020 (Legge di Bilancio 2021), che recepisce un’istanza di semplificazione degli adempimenti per i soggetti obbligati.

In altre parole: anche i dati relativi alle cessioni di beni e alle prestazioni di servizi, effettuate e ricevute, verso e da soggetti non stabiliti nel territorio dello Stato, verranno comunicati all’Agenzia delle Entrate in formato XML attraverso il Sistema di Interscambio.

Da tale obbligo restano sempre escluse le operazioni per le quali è stata emessa una bolletta doganale o fattura elettronica.

Interesserà ai tecnici sapere che per le fatture attive, relative alle operazioni effettuate nei confronti di soggetti non stabiliti in Italia, si utilizzerà il tipo documento “TD01” mentre il campo “codice destinatario” andrà valorizzato col codice “XXXXXXX”. Per le fatture passive, invece, si utilizzerà il tipo documento “TD17”, “TD18” e “TD19”. È fatta salva la possibilità di integrazione e autofattura in formato analogico, da trasmettere poi secondo le nuove modalità.

I termini previsti per la trasmissione dei suddetti dati sono riportati all’art. 12 del D.L. 73/2022 (il c.d. “Decreto semplificazioni fiscali”) pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 21 giugno.

I dati delle fatture attive andranno infatti trasmessi entro i termini di emissione delle fatture o dei documenti che ne certificano i corrispettivi mentre i dati delle fatture passive andranno trasmessi entro il quindicesimo giorno del mese successivo a quello del ricevimento del documento comprovante l’operazione o di effettuazione dell’operazione stessa.

Fatturazione elettronica ed e-reporting 2022: profili sanzionatori

In chiusura, un utile richiamo ad alcune novità che intervengono in campo sanzionatorio.

In materia di fatturazione elettronica, per errori od omissioni restano applicabili le sanzioni previste all’art. 6 D.Lgs. 471/97. Queste però restano sospese per il terzo trimestre del 2022, solo per i nuovi obbligati e solo se la fattura viene corretta/emessa entro il mese successivo.

In materia invece di trasmissione dei dati, per errori od omissioni vi sono lievi variazioni alle sanzioni. Si continua ad applicare la sanzione di 2 euro per ogni fattura ma fino al nuovo limite massimo di 400 euro al mese, mentre le sanzioni sono ridotte della metà e fino al nuovo limite massimo di 200 euro al mese se la trasmissione o la correzione viene effettuata entro i quindici giorni successivi.

Mostra commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.