Scegli il sito del tuo paese
Chiudi

Perché e come usufruire del Credito di Imposta per l’acquisto di Beni Strumentali

Chi siamo > Finanza Agevolata > Acquisto beni strumentali > Credito Imposta Beni Strumentali
Credito imposta innovazione e design

Il credito d’imposta per l’acquisto in beni strumentali materiali ed immateriali, che rientra nelle agevolazioni introdotte dal piano Transizione 4.0, rappresenta l’opportunità ideale per rinnovare i processi produttivi. Come riportato dal Ministero dello sviluppo economico, questa misura ha l’obiettivo di “supportare e incentivare le imprese che investono in beni strumentali nuovi, materiali e immateriali, funzionali alla trasformazione tecnologica e digitale dei processi produttivi destinati a strutture produttive ubicate nel territorio dello Stato”.

Come ottenere le agevolazioni del Credito di Imposta per l’acquisto di beni strumentali

Ayming aiuta le imprese ad ottenere le agevolazioni del Credito di Imposta per l’acquisto di beni strumentali, supportando il cliente in ogni fase del processo, a partire dalla verifica del perimetro di investimenti ammissibile fino alla preparazione della relazione tecnica.

Come per la Nuova Sabatini, cumulabile con questa agevolazione,  le agevolazioni relative al Credito d’Imposta per l’acquisto di nuovi beni strumentali, sia materiali sia immateriali, hanno l’obiettivo di supportare le aziende incentivando tale tipologia di investimenti.

L’ultima Legge di Bilancio ha profondamente modificato gli incentivi garantendo un’efficacia temporale fino al 31 dicembre 2022, o al 30 giugno 2023 nel caso in cui siano rispettate alcune condizioni, aumentando le aliquote agevolative.

Credito d’imposta per investimenti in beni strumentali

Ayming ha sviluppato un servizio, scandito in due fasi principali, per consentire alle imprese di usufruire di una tassazione agevolata del Credito d’Imposta per investimenti in beni strumentali.

Fase preliminare: prevalutazione tecnica

Questa fase è volta alla verifica della conformità ai profili contabili e temporali, previsti dalla normativa, per i beni materiali strumentali identificati.

Ayming effettua una raccolta preliminare di dati, unitamente ad un confronto con gli stakeholder coinvolti nel progetto di investimento, per la verifica del contesto e delle infrastrutture aziendali finalizzate all’interconnessione dei beni.

Fase consuntiva: analisi tecnica dei requisiti

Ayming procede con la raccolta dati, l’analisi delle caratteristiche tecniche dei beni e la redazione del dossier tecnico.

In particolare, è incaricata della raccolta e della verifica di tutta la documentazione necessaria all’analisi tecnica secondo quanto specificato dalla normativa vigente e, quindi, al calcolo dell’incentivo.